USA, BIDEN, PROGETTI DI ARMI BIOLOGICHE E LABORATORI IN UCRAINA: ECCO TUTTI I COLLEGAMENTI.

USA, BIDEN, PROGETTI DI ARMI BIOLOGICHE E LABORATORI IN UCRAINA: ECCO TUTTI I COLLEGAMENTI.

 

Un articolo breve ma essenziale in cui traccio tutti i punti di collegamento tra certi potenti apparati americani, la famiglia Biden, i bio-laboratori in Ucraina ed il loro possibile uso in funzione anti-russa:

Nel 2014 dopo il cambio di governo in Ucraina con una rivolta fomentata anche dagli apparati statunitensi, Hunter Biden, il figlio dell’allora vicepresidente USA, entra nel consiglio di amministrazione della Burisma, la più importante azienda del gas ucraino.

Suo padre al Council On Foreign Relations si è ufficialmente vantato di aver fatto rimuovere il procuratore generale dell’Ucraina vincolando gli aiuti statunitensi alla rimozione di quello scomodo procuratore. Perché scomodo? Perché poi si scoprirà che voleva indagare proprio sulla Burisma.

Una inaccettabile ingerenza negli affari di un altro stato. Ma un segnale importante per far capire al nuovo establishment politico ucraino che nessuno avrebbe dovuto mettere bocca negli affari dei Biden in Ucraina.

Infatti è di queste ore la notizia che sempre Hunter Biden avrebbe ottenuto e veicolato finanziamenti di centinaia di migliaia di dollari tramite la sua società di investimenti Rosemont, direttamente alla azienda Metabiota, una società americana fornitrice del Ministero della difesa e specializzata in agenti patogeni in grado di provocare pandemie (Non lo dice il sottoscritto. E’ stato il Daily Mail a mostrare le prove per primo, poi seguito da altre testate internazionali e dal nostro FATTO QUOTIDIANO).

Hunter Biden avrebbe raccolto anche investimenti per questa società da una banca d’affari americana chiamata Goldman Sachs che guarda caso è proprio la banca a cui deve tutto il “nostro” presidente del Consiglio, Mario Draghi. Ma questo è un dettaglio. Andiamo avanti.

Hunter Biden avrebbe fatto da ponte tra i vertici della Metabiota e l’azienda ucraina Burisma di cui Hunter era membro del Consiglio di amministrazione insieme all’ex capo anti terrorismo della CIA. L’idea di Biden Junior era quella di far si che le due aziende lavorassero insieme ad un progetto scientifico denominato: Science Ukraine Project che avrebbe coinvolto laboratori biologici ucraini. Tutto questo, secondo le mail che sono trapelate, al fine di rafforzare l’indipendenza dell’Ucraina dalla Russia. In che modo si possano usare laboratori biologici per favorire l’indipendenza di un paese da un suo vicino rivale, non è dato saperlo.

Per intuirlo dobbiamo introdurre altri elementi: Nel 2014 è emersa una intercettazione telefonica che coinvolgeva Victoria Nuland del Dipartimento di Stato americano, una delle artefici della rivolta di piazza Maidan che pose fine al governo ucraino gradito dai russi. La Nuland pretendeva un ruolo primario del Dipartimento di Stato nella scelta dei nuovi vertici del governo di Kiev. Addirittura mandò a quel paese l’Unione Europea che voleva mettere bocca. Famoso il suo FUCK EUROPEAN UNION al telefono con l’ambasciatore americano a kiev.

Victoria Nuland è colei che in queste settimane ha dovuto ammettere pubblicamente la presenza di laboratori biologici americani in Ucraina ai confini con la Russia. Mostrandosi molto preoccupata che i russi potessero entrarne in possesso dopo l’invasione. Ma di cosa ha paura se come ha dichiarato lei stessa si tratta di semplici laboratori di ricerca?

Per provare a rispondere a questa domanda dobbiamo introdurre la figura ed il ruolo del marito di Victoria Nuland, tale Robert Kagan, famoso neocon americano ossia uno di quelli che vorrebbe imporre la leadership americana nel mondo ad ogni costo e che nell’organizzazione denominata PNAC ossia Project for a New American Century ha redatto un documento: Rebuilding American Defense dove veniva messo nero su bianco la possibilità di ricorrere alle armi biologiche come strumento politicamente utile qualora una super potenza mettesse in discussione al leadership americana.

Documenti che ho precedentemente riportato nella mia inchiesta 31 coincidenze sul coronavirus e sulla nuova guerra fredda USA/Cina

Frasi pericolosissime, se affermate da personaggi ai vertici delle istituzioni politiche e militari degli Stati Uniti che infatti destarono sconcerto e indignazione nel paese. Poi i neocon finirono in “soffitta” per diversi anni. Ed ora pare siano tornati invece alla ribalta grazie all’amministrazione Biden. E sono proprio coloro che in Ucraina, che consideravano terra di nessuno, pare abbiano messo le mani sui laboratori, per agire indisturbati. Magari portando avanti anche esperimenti che in America avrebbero trovato difficoltà a fare, dopo l’introduzione di nuove regole. A quanto pare avevano anche i finanziamenti necessari. E’ tutto avveniva proprio quando gli Stati Uniti stavano realmente rischiando di perdere la leadership mondiale. Ossia quando si erano create le basi per portare avanti l’idea dei neocon di essere disposti ad utilizzare quegli “strumenti politicamente utili”.

Vuoi vedere che Putin avesse capito in anticipo dove volessero arrivare?

Ai posteri l’ardua sentenza.

 

Francesco Amodeo 

 

La nostra Casa editrice è indipendente e si finanzia solo grazie ai vostri contributi, se ritieni che il nostro lavoro sia utile Sostienici:

Acquistando uno dei nostri libri: https://www.matrixedizioni.it/categor

Oppure sostenendo la libera informazione con una donazione : 

  • Pay Pal matrix
  • BONIFICO BANCARIO :  IT86L0103003405000003591323  MATRIX , CAUSALE : DONAZIONE

Anche un piccolo contributo è importante per permetterci di continuare il nostro lavoro.

Grazie per il vostro sostegno.

Per qualsiasi informazione scrivici ad [email protected]

Visita il nostro sito www.matrixedizioni.it

 

Approfondimenti nell’inchiesta:

Perché il conflitto è NATO

 

No Comments

Post A Comment