Catalogo

Offerta

Pacchetto Guerra Fredda

35,50 29,90

Il Pacchetto comprende:

  1.  31 coincidenze sul Coronavirus e sulla nuova Guerra Fredda USA/CINA
  2.  Il DIegO rivoluzionario
Categoria:
Descrizione

31 Coincidenze sul Coronavirus e sulla nuova Guerra Fredda USA/CINA

La guerra tra i due paesi che rappresentano le più importanti economie del pianeta, Usa e Cina, è già in atto da tempo, nel silenzio generale. È una nuova guerra fredda, in chiave moderna. Un conflitto tecnologico.

Chi vince questa battaglia dirigerà il futuro. Gli americani l’hanno capito. Ma sanno anche che la stanno perdendo.

Per questo hanno lanciato moniti pesantissimi agli alleati, e non solo. Hanno fatto sapere che gli accordi con la Cina su materie come il 5G mettono in discussione la Nato. Rischiano di interrompere i rapporti di collaborazione tra i servizi di intelligence. Mettono in pericolo la sicurezza dei paesi dell’Alleanza Atlantica e quella degli Stati Uniti. Raccomandazioni a cui nessuno ha ubbidito. I più leali hanno fatto il doppiogioco. Altri credono di essere saltati sul carro vincente dell’imperialismo cinese. Trump ha risposto con una guerra commerciale. Ma a qualcuno, quella risposta, evidentemente non basta più. La posta in gioco è troppo alta. C’è chi auspica un intervento radicale, estremo, immediato, paralizzante.

Questo scenario ci riporta ai tempi della prima guerra fredda Usa/Urss e ci ricorda che quando gli Stati Uniti si sentono minacciati, entrano in gioco forze e organizzazioni fuori da ogni controllo e pronte a tutto. Ma se un tempo si trattava di fermare singoli uomini, al massimo interi partiti, oggi lo scenario è diverso. Il nemico è ancora una volta comunista e ancora una volta è messa in discussione la leadership mondiale americana. Ma a disubbidire sono adesso intere nazioni, anzi interi continenti, ed il processo sembra inarrestabile. L’America è sull’orlo di perdere la propria egemonia. Il suo presidente reagisce e attacca sul fronte economico ma c’è chi pretende un nuovo secolo di dominio americano a qualsiasi costo e con qualsiasi mezzo.

Cosa potrebbe inglobare la Cina nel nuovo ordine mondiale, lasciando al tempo stesso le ingestibili conseguenze di un lockdown nelle mani di Trump a ridosso delle elezioni presidenziali? Cosa punirebbe i paesi disobbedienti? Cosa renderebbe indispensabili misure estreme di controllo della popolazione e delle nazioni? Cosa potrebbe congelare i processi democratici e creare un terreno di shock, utile a portare avanti misure altrimenti improponibili? Non lo sappiamo con certezza.

Ma se 3 coincidenze fanno una prova; 31 dovrebbero quanto meno stimolare un dibattito. Soprattutto se la Cina sarà la prima a prosperare nel post pandemia mentre Trump avrà perso la presidenza per le conseguenze nefaste dell’emergenza sanitaria.

Il DIegO Rivoluzionario:

La prima inchiesta giornalistica al mondo per far luce sui possibili mandanti politici e sugli esecutori degli attacchi che hanno compromesso la carriera sportiva e la vita di Diego Armando Maradona.

Un dossier dettagliato dei suoi rapporti con il presidente cubano Fidel Castro, con il presidente venezuelano Hugo Chavez e con gli altri presidenti sudamericani non allineati alle politiche imposte dagli Stati Uniti.

 Il suo ruolo da protagonista nell’Alleanza Bolivariana per le Americhe (ALBA)

I dettagli delle azioni promosse da DIegO al fianco dei leader rivoluzionari che hanno fatto infuriare gli USA.

Tutto quello che di Maradona non vi avrebbero mai voluto far sapere.

Additional Information
Peso 05 kg

Pacchetto Guerra Fredda


31 Coincidenze sul Coronavirus e sulla nuova Guerra Fredda USA/CINA

La guerra tra i due paesi che rappresentano le più importanti economie del pianeta, Usa e Cina, è già in atto da tempo, nel silenzio generale. È una nuova guerra fredda, in chiave moderna. Un conflitto tecnologico.

Chi vince questa battaglia dirigerà il futuro. Gli americani l’hanno capito. Ma sanno anche che la stanno perdendo.

Per questo hanno lanciato moniti pesantissimi agli alleati, e non solo. Hanno fatto sapere che gli accordi con la Cina su materie come il 5G mettono in discussione la Nato. Rischiano di interrompere i rapporti di collaborazione tra i servizi di intelligence. Mettono in pericolo la sicurezza dei paesi dell’Alleanza Atlantica e quella degli Stati Uniti. Raccomandazioni a cui nessuno ha ubbidito. I più leali hanno fatto il doppiogioco. Altri credono di essere saltati sul carro vincente dell’imperialismo cinese. Trump ha risposto con una guerra commerciale. Ma a qualcuno, quella risposta, evidentemente non basta più. La posta in gioco è troppo alta. C’è chi auspica un intervento radicale, estremo, immediato, paralizzante.

Questo scenario ci riporta ai tempi della prima guerra fredda Usa/Urss e ci ricorda che quando gli Stati Uniti si sentono minacciati, entrano in gioco forze e organizzazioni fuori da ogni controllo e pronte a tutto. Ma se un tempo si trattava di fermare singoli uomini, al massimo interi partiti, oggi lo scenario è diverso. Il nemico è ancora una volta comunista e ancora una volta è messa in discussione la leadership mondiale americana. Ma a disubbidire sono adesso intere nazioni, anzi interi continenti, ed il processo sembra inarrestabile. L’America è sull’orlo di perdere la propria egemonia. Il suo presidente reagisce e attacca sul fronte economico ma c’è chi pretende un nuovo secolo di dominio americano a qualsiasi costo e con qualsiasi mezzo.

Cosa potrebbe inglobare la Cina nel nuovo ordine mondiale, lasciando al tempo stesso le ingestibili conseguenze di un lockdown nelle mani di Trump a ridosso delle elezioni presidenziali? Cosa punirebbe i paesi disobbedienti? Cosa renderebbe indispensabili misure estreme di controllo della popolazione e delle nazioni? Cosa potrebbe congelare i processi democratici e creare un terreno di shock, utile a portare avanti misure altrimenti improponibili? Non lo sappiamo con certezza.

Ma se 3 coincidenze fanno una prova; 31 dovrebbero quanto meno stimolare un dibattito. Soprattutto se la Cina sarà la prima a prosperare nel post pandemia mentre Trump avrà perso la presidenza per le conseguenze nefaste dell'emergenza sanitaria.

Il DIegO Rivoluzionario:

La prima inchiesta giornalistica al mondo per far luce sui possibili mandanti politici e sugli esecutori degli attacchi che hanno compromesso la carriera sportiva e la vita di Diego Armando Maradona.

Un dossier dettagliato dei suoi rapporti con il presidente cubano Fidel Castro, con il presidente venezuelano Hugo Chavez e con gli altri presidenti sudamericani non allineati alle politiche imposte dagli Stati Uniti.

 Il suo ruolo da protagonista nell’Alleanza Bolivariana per le Americhe (ALBA)

I dettagli delle azioni promosse da DIegO al fianco dei leader rivoluzionari che hanno fatto infuriare gli USA.

Tutto quello che di Maradona non vi avrebbero mai voluto far sapere.